Michele Mollica

insegnante e ballerino di tango - tango dancer and teacher

curriculum contatti

Tango: tre domande fondamentali a cui rispondere.

Ritengo che esistano tre domande fondamentali che ogni Maestro dovrebbe porre ai suoi allievi.

E gli allievi dovrebbero trovare una risposta mentre stanno apprendendo il tango.

La prima domanda è la seguente: “Ti piace la musica del tango?”

Perché la musica è il motore della danza e senza motore non ci si muove. E se come allievi mi chiedete quale musica, io vi rispondo tutta la musica di tango. Perché la musica degli anni 80 e figlia di quella degli anni 50, che a sua volta è figlia di quella degli 40,30 e 20, che a sua volta origina da quella di inizi del 900 e fine 800. Ora non si può sapere come funziona un motore se non si è consapevoli di come tutti i suoi ingranaggi si siano evoluti nel tempo.

La musica non vi piace? Allora lasciate stare. Il tango non fa per voi. Forse ne siete affascinati per le movenze, ma non fa per voi. Cercate una musica che vi piaccia da ballare e imparate quella.

La seconda domanda è: “Ti piace abbracciare la gente?”

Non per finta, ma sul serio. Come quando si abbraccia un amico/a, o un familiare, o un amante. Insomma quando si usa quell’abbraccio che ha funzione consolatoria; che ci rimette in sesto. Quell’abbraccio che ci fa sentire a nostro agio e mette a proprio agio l’altro.

Abbracciare non è nelle vostre corde? Fate fatica a fidarvi degli altri? Preferite mantenere le distanze? Lasciate stare il tango. Fate altro. Ci sono tanti ballo che si praticano senza abbracciarsi.

La terza domanda è: “Sai essere altruista?”

L’altruismo è fondamentale per ballare il tango. Serve per costruire la coppia. Perché ad ogni danza si dovrà anteporre la propria capacità di ascolto, alla propria voglia di esprimersi muovendo il corpo. Perché è solo attraverso l’ascolto del/la partner che si costruiscono i dialoghi. Quando si parla senza ascoltare si costruiscono monologhi che danno vita a tante coppie/noncoppie (anche tra i professionisti), tutte impegnate a lottare tra loro per far vincere l’egoismo dell’uno o dell’altro (in fondo una battaglia stupida che fa perdere la coppia).

Non pensate di essere capaci? Siete troppo concentrati su voi stessi? Lasciate stare. Il tango non fa per voi ma, per fortuna, ci sono tanti ballo che si possono ballare da soli.

Spesso consideriamo scontati questi argomenti ma, vi posso garantire, che non lo sono affatto per un buon apprendimento della danza. Consiglio ai Maestri di fare queste domande agli allievi.

Forse si perderà qualche allievo in più all’inizio, ma ne guadagna sicuramente la qualità delle classi.

Vai alla barra degli strumenti